Cartoline da Dozza, uno dei cento Borghi più belli d’Italia

Se hai già fatto un giro per il mio blog avrai capito che sono una sempre alla scoperta di “chicche italiane”, mi piace molto passeggiare per borghi medievali e mi piace dimostrare come sia facile scoprire cose nuove senza dover attraversare l’oceano. Oggi parliamo di un eletto fra i cento Borghi più belli d’Italia: Dozza.

Dozza

Dozza

Dozza

Se sei romagnolo o comunque della zona sono sicura che lo conoscerai già. S i trova a Sud di Bologna e, quoto,  “si tratta di un vero e proprio museo a cielo aperto, in cui si possono ammirare oltre un centinaio di opere realizzate da nomi prestigiosi dell’arte contemporanea”. A Dozza, infatti, quasi tutti i muri delle case e dei locali sono dipinti. Ti stai domandando il perchè? Te lo spiego subito: dal 1960 qui si tiene ( a settembre e negli anni dispari) la Biennale del Muro Dipinto.  Tuttavia per quanto turistico non credo sia un centro mai davvero affollato e credo che la cosa sia intenzionale. Oltre ad un paio di ristoranti e di negozietti il resto è pura tranquillità e paesaggio.

Dozza

Dozza

Dozza

Dozza

Dozza

Dozza

Dozza

Una volta fatto un giro per le viuzze del borgo ti consiglio di visitare la Rocca: un monumento di origini medievali trasformato da Caterina Sforza in castello fortificato e poi adibito a residenza nobiliare dai marchesi Campeggi e Malvezzi. La stanza che merita maggiormente è sicuramente l’antica cucina.

Dozza

Dozza

Dozza

Dozza

Se sei un amante del fantasy poi, non puoi perderti la visita alla stanza del drago. Sì, hai letto bene, un drago! Un altro appuntamento fisso  che si tiene l’ultimo weekend di Settembre (questa volta degli anni pari) è infatti Fantastika: un evento dedicato all’arte fantasy. E proprio in occasione dell’ultima edizione è nato il piccolo drago che ora se la dorme nel castello!

Dozza

Se sei della zona o ti trovi in vacanza da queste parti, considera questa bellezza tutta italiana. Io ho apprezzato molto l’impegno ed il lavoro di un comune così piccolo che ha saputo reinventarsi e  rinnovare la sua bellezza e storia. Inoltre, come avrai anche già notato dalle foto i dipinti e le opere si adattano benissimo allo stile del paese, senza risultare pacchiani e chiassosi creano un’armonia unica. Direi che il periodo migliore per farci un salto, a parte in occasione dei vari eventi, sia quello primaverile ed estivo

Cosa ne pensi? Già visitata o ti ho aiutato a scoprire qualcosa di nuovo? Fammelo sapere nei commenti!

A presto!