I libri sul mio comodino

Oggi torniamo finalmente a parlare di libri! Adoro leggere, ma ci sono periodi in cui vado a rilento, e impiego un’eternità per arrivare infondo sino alla parola Fine. Proprio qualche giorno fa ho terminato “L’amica geniale” di Elena Ferrante, e con l’occasione ho rifornito il mio Kindle dei sequels, ma non solo.

Curiosiamo un pò su quello che leggerò nelle prossime settimane. Tranquilla niente spoiler, solo tanti pensieri in fuga. Devi sapere che non leggo MAI le trame dei libri. Leggere per me è un pò un atto di fede; nella vita d’altronde quando conosci qualcuno non stai a chiedere un riassunto di quella persona per capire se ti può piacere o meno, ti butti e se va bene continui. 🙂

  • Storia del nuovo cognome e Storia di chi fugge e chi resta – Elena Ferrante: avendo terminato il primo della trilogia ovviamente continuerò con gli altri due per scoprire come evolveranno le vite di Lenuccia e Lila. La mia sarà un pò una voce fuori dal coro, ma ti dirò che L’amica geniale non mi ha appassionato davvero. Certo mi ha incuriosita, ed è quasi impossibile lasciare la storia una volta arrivati così infondo, ma mi aspettavo molto di più. Le voci e le opinioni che avevo sentito a riguardo me l’avevano presentato come un grande libro e una grande storia. Ma, ripeto, ho letto di meglio. Ti saprò dire di più una volta terminata la trilogia.
  • My not so perfect life – Sophie Kinsella: io ADORO Sophie Kinsella con ogni particella del mio corpo. Amo il suo modo di scrivere, la sua ironia, i personaggi che crea, le donne a cui da vita. Per assurdo ho letto tutti i suoi libri, fatta eccezione di quelli che l’hanno resa famosa: la saga degli “I love Shopping“. Ti preciso che ho esclusivamente letto le sue opere in inglese, per cui non ho la più pallida idea di come siano stati tradotti. Probabilmente ti sembrerà banale, ma non è un aspetto da sottovalutare questo. Ci sono espressioni e modi di dire che non possono essere tradotti, e per quanto gli interpreti facciano un lavoro egregio si perde sempre qualcosa, nel bene e nel male. Comunque ho letto le prima pagine di questo nuovo libro e ho già cominciato a ridere. Nelle donne di Sophie c’è sempre qualcosa di me, o meglio c’è sempre qualcosa di tutte noi giovani donne del ventesimo secolo.
  • Notti in bianco, baci a colazione – Matteo Bussola: volevo leggere questo libro da un’eternità! Ne avevo sentito tanto parlare su internet e sono curiosissima di avventurarmi tra i pensieri di un papà. Quando si parla di libri e storie sulla famiglia, raramente il punto di vista è quello di un padre. La paternità viene infatti sempre messa da parte, declassata rispetto alla maternità, ma ha la sua magia anche lei e non vedo l’ora di scoprire cosa ha da dire Matteo.
  • L’arte di essere fragili – Alessandro D’avenia: un libro che si chiede se esiste un metodo per la felicità duratura non poteva non finire sul mio comodino. Questo è un altro titolo in testa alla classifiche di Feltrinelli e Mondadori, anche grazie al successo che precede D’avenia. Io non sono ancora sicura che mi piaccia il suo stile, vedremo a cosa avrà pensato stavolta.
  • La luce sugli oceani- M.L. Stedman: di questo non so proprio nulla, se non che ne è stato tratto un film. E questo basta per farmi capire che sicuramente si tratta di un gran libro!

Tutto questo parlare di libri mi ha fatto venire una gran voglia di storie e posti nuovi. A te no? Ne riparliamo presto con le recensioni!

E tu che libri hai sul comodino adesso? Ne hai letto qualcuno di quelli elencati? Fammelo sapere nei commenti!

A presto!